Sarzana - 19038 - La Spezia
info@francescobattistini.it

La politica degli annunci genera mostri!

Credo che la politica non sia tifo ma ragionamento e soprattutto studio, approfondimento.

In queste ore ho visto da più parti la corsa a far vedere di aver parlato e scritto al Ministro Pattuanelli per la questione della Centrale ENEL della Spezia.Tutti a tentare di accaparrarsi un pezzetto di merito per aver chiesto al Ministro di rivedere la questione fermando, di fatto, la produzione di energia elettrica da fonti fossili sul nostro territorio.

Tutti a dire che forse ci sono speranze…

Iniziativa condivisibile, giusta e per questo lodevole se non si trattasse soltanto di una pessima presa in giro.
Chi è uscito, tra ieri e oggi, sull’argomento mente sapendo di mentire.

Questo episodio ha tutto l’odore, pessimo, di altre vicende che stanno caratterizzando lo spezzino in questi mesi.

La prima: il Biodigestore di Saliceti. È stato chiesto al Ministro un favore di partito, né più né meno e bisogna piantarla di prendersi per i fondelli!
Una lettera meno consistente dell’aria per prendere, con ben poca convinzione, posizione contro il progetto per questo nuovo impianto.
In realtà il Ministro e il Ministero non sono andati oltre la mera operazione di facciata e dubito abbiano approfondito i documenti. Altrimenti avrebbero bloccato l’iter di approvazione, invece…

La seconda: la questione OSS. Diciamocelo, anche qui la vicenda ha margini di risoluzione positiva molto, molto ristretti ma nessuno lo ammette.
Nonostante tutto, infatti, sono tutti a comunicare di aver scritto a Pinco, a Pallino, a Strina, al Ministro. Di aver sentito questo o quello o di aver ascoltato “impegni formali” da dirigenti che invece mai si sono sbilanciati a tal punto.
La realtà? È che, anche in questo caso, sono tutte azioni per passare la palla a qualcun altro. Obiettivo: vedere se si riesce a oltrepassare la tempesta indenni facendo apparire qualcuno come brutto, sporco e cattivo. Assolvendo se stessi.

La terza: è appunto quella di cui ho parlato in apertura, la Centrale ENEL Eugenio Montale della Spezia.

La verità è che con le parole le questioni non si risolvono.
Come non si risolvono schioccando le dita o, peggio ancora, credendo di poter chiudere il cancello della stalla quando tutti i buoi sono scappati.
Se non si approfondiscono dei percorsi e non si tenta, con pazienza, di allestirli non ci sarà mai speranza per un rilancio della politica nel senso più nobile del termine. Come non ci sarà più speranza per i cittadini di trovare qualcuno, che nelle istituzioni, faccia i loro interessi, difendendoli.

ENEL, Biodigestore e OSS sono tre pessimi esempi di non gestione politica.

Qui alcuni link perché altrimenti qualcuno potrebbe, giustamente, pensare: “facile parlare col senno di poi!”:

Anche La Spezia deve entrare nel percorso Futur-E (22 luglio 2020);
ENEL eviti fughe in avanti e rispetti i cittadini (9 luglio 2020);
Centrale ENEL, la politica non giochi a rimpiattino (21 Gennaio 2020)

Lascia un commento