Sarzana - 19038 - La Spezia
info@francescobattistini.it

“La politica coinvolga Fincantieri nella progettazione e realizzazione delle infrastrutture viarie provinciali”

La Provincia della Spezia deve convocare, urgentemente, un tavolo sulle infrastrutture del territorio. È questo l’appello che mi sento di rivolgere ai neo consiglieri provinciali. La politica deve iniziare ad agire concretamente. La prima cosa da fare è chiedere aiuto a quello che potrebbe essere un grande partner imprenditoriale che in Liguria ha già dimostrato di saper operare nel settore della viabilità con velocità e competenza: Fincantieri. 

Bisogna accelerare, sbloccare e avviare la costruzione delle infrastrutture necessarie a connettere la Val di Vara al resto della provincia spezzina. Fincantieri dovrebbe sentirsi obbligata a intervenire in questo senso anche a supporto della sua stessa produttività aziendale. NexTech e ISSELnord, due società di Fincantieri, hanno sede a Follo. L’area ormai, alle prime gocce d’acqua, diventa una delle zone più inaccessibili del globo! 

C’è un ponte, quello di Albiano da rimettere in piedi. C’è una strada, quella della Ripa, da mettere in sicurezza rispetto ai fronti frana aperti e le gallerie paramassi devono correre con maggior velocità. C’è un lotto 2, sulla bretella Ceparana-Santo Stefano, senza entrare nel giudizio sull’opera, tutto da progettare e finanziare. C’è un’autostrada che potrebbe avere un casello nuovo chiamato La Spezia nord, a Beverino, da progettare, finanziare e realizzare. C’è una Variante Aurelia ferma a marcire, con le sue gallerie e i suoi cavalcavia, sulle colline di Buonviaggio. Insomma: si parla tanto di “Modello Genova”, di infrastrutture, di far ripartire il Paese ma qui siamo all’anno zero e bisogna intervenire.

Francesco Battistini
Ex. Consigliere Regionale 

Lascia un commento